annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Moto Guzzi V 85 TT

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • paolo2145
    ha iniziato la discussione Moto Guzzi V 85 TT

    Moto Guzzi V 85 TT

    Ho appena letto la prova di questa moto, un esemplare pre-serie (sarà in vendita da febbraio 2019 e ad EICMA sarà in veste definitiva o quasi).
    Sembra essere una moto progettata volutamente semplice, senza le esagerate dotazioni elettroniche ormai di norma, motore fedele all'architettura tradizionale Guzzi ma completamente rivisto in moltissimi particolari, con 80 CV e una discreta dote di coppia già a basso numero di giri.
    Regime a velocità autostradale intorno ai 5000 giri/minuto, bassi consumi, sella ad altezza d'uomo normale.
    Manca una scheda tecnica ma presto verrà svelato ogni suo dato.
    Avrà cerchi da 17 e distribuzione aste/bilanceri, due valvole per cilindro.

    Chissà che non sia la moto giusta per un ex-guzzista che ha lasciato Guzzi tanti anni fa attratto da giapponesi prima e tedesche poi, ora in un periodo scaldabagnista ma non ancora da mettere in inceneritore?

    Costui ha una fissa: il Grande Nord.
    La prima moto che lo portò lassù nel lontano 85 fu una Guzzi V65.
    Sarebbe una bell'idea chiudere questo lungo ciclo di vita e di motoinnamoramento a cavallo di una Guzzi V85.

    Ma c'è un ma: oggi un nuovo modello (di Guzzi come di altri) ha bisogno di un buon annetto di rodaggio prima di perdere i piccoli/grandi vizi di gioventù.
    Sarà ancora abile il nostro per il maggio-giugno 2020?
    Riuscirà a riconvertirsi alla moto made in Italy?
    E Guzzi sarà in grado di dare un'assistenza post-vendita degna?

    Il nostro dovrebbe poter appoggiare le chiappe su un esemplare inizio 2020, partendo per l'avventura dopo qualche migliaio di km di preparazione: se Dio vorrà, l'ultima settimana di maggio.

    EICMA: andrò soprattutto per vedere lei, già mi piacque l'esemplare visto lo scorso anno.

  • Alex72
    ha risposto
    Originariamente inviato da Blaufeld Visualizza il messaggio

    Bellina! Ma il paramotore no? È stata la prima cosa che misi sulla Stelvio...
    Arriva anche quello!

    Lascia un commento:


  • Blaufeld
    ha risposto
    Bellina! Ma il paramotore no? È stata la prima cosa che misi sulla Stelvio...

    Lascia un commento:


  • Saudade
    ha risposto
    La griglia di protezione mi ricorda tanto i bei tempi: ne avevo una sul faro della Gilera 124 seigiorni "fuoristrada" nel 1965 (!).
    Per il parabrezza, sto cercando di capire se lasciare l'originale (che protegge il busto) non avendo ancora effettuato lunghe tirate in autostrada. Non vorrei che uno più grande creasse turbolenze e riducesse troppo la ventilazione in estate.

    Lascia un commento:


  • Alex72
    ha risposto
    INIZIANO LE PERSONALIZZAZIONI
    https://ibb.co/hWXpT84
    https://ibb.co/7KwBkc8
    https://ibb.co/1MR2YrG
    https://ibb.co/Zhr8gBS
    https://ibb.co/2kvQ5RM
    Ultima modifica di Alex72; 18-02-20, 20:54.

    Lascia un commento:


  • Alex72
    ha risposto
    Per il mono io ho semplicemente aumentato di uno step il precarico, per ora non ho toccato l’idraulica in estensione che è l’unica dove puoi intervenire.
    se quello che intendi e’ una risposta secca in estensione puoi agire sull’idraulica chiudendo gradualmente, se invece intendi risposta secca da sconnessioni in compressione l’unica cosa che puoi fare è aumentare il precarico davanti così da trasferire maggior peso al posteriore e di conseguenza fai lavorare a maggior carico il mono. Se con passeggero sentì che questa risposta si attenua l’unica cosa che puoi fare e questa con la conseguenza che aumenterai l’avancosa perciò la moto tenderà ad aprire di più. Altro modo per far lavorare meglio il mono può essere quello di mettere le forcelle a filo 5 mm ci sono, l’effetto è lo stesso ed anche le conseguenze sulla ciclistica.
    ultima strada se non vuoi spendere per il giallone è mettere un olio meno denso così da far lavorare meglio in compressione il mono, in questo caso chiudi a maggior ragione l’estensione perché avrai una risposta più libera.

    Lascia un commento:


  • paolo2145
    ha risposto
    Originariamente inviato da Saudade Visualizza il messaggio

    ......
    Chissà se Paolo leggerà la tua recensione ma continuerà a baloccarsi con motine agghindate con valigioni come se dovesse emulare "el Gondrand" ...... :

    Tu hai visto solo delle foto che, essendo state fatte col grandangolo del telefono, sono distorte e falsano un po' la realtà.
    Quando potremo fare un girello insieme ti renderai conto di quanto siano poco ingombranti, bauletto compreso.
    Poi avendo attacchi Givi Monokey andranno bene anche in caso di cambio moto.
    Sulla CB la larghezza fuori tutto è limitata e 83 centimetri.

    Quanto alla Guzzi non è certo la prima volta che dico che mi piace e mi piacerebbe averla, ma dico anche che la mia ha solo poco più di 8 mesi e merita di essere goduta come minimo fino al prossimo anno.
    Tempo al tempo, non sono mica ancora vecchio, io.
    O invece si?

    Lascia un commento:


  • Saudade
    ha risposto
    Originariamente inviato da Alex72 Visualizza il messaggio
    Oggi test misto, autostrada , off road. 400 km
    Alex, condivido tutto, quest' aquila è davvero sorprendente. Chissà se Paolo leggerà la tua recensione ma continuerà a baloccarsi con motine agghindate con valigioni come se dovesse emulare "el Gondrand" (per chi non lo sapesse, storico trasportatore milanese, operante inizialmente con carri ippotrainati):



    Ti chiedo, però, un giudizio sull'ammortizzatore posteriore che, pur con precarico ed idraulica regolati su "soft" mi pare un po' secco nella risposta nell'incontrale le buche. Peccatuccio veniale ma non trovando altri difetti rilevanti, almeno per ora.............

    Lascia un commento:


  • BUCEFALO1
    ha risposto
    Bel resoconto che sprizza entusiasmo. Goditela alla grande

    Lascia un commento:


  • Alex72
    ha risposto
    Oggi test misto, autostrada , off road. 400 km
    butto giù di pancia le sensazioni senza pensarci per questo scusate eventuali errori ortografici.
    inizio dalla fine, non è una moto per I feticisti dei numeri scritti libretto di circolazione, non è una moto per chi se non è grossa non va bene, non è una moto per chi cerca da un enduro una moto sportiva con manubrio alto.

    Autostrada: ottima stabilità e con il parabrezza maggiorato in posizione alta buona protezione aerodinamica, il motore frulla sornione e consente lunghe percorrenze in relax grazie alla comodità del mezzo frutto delle inaspettate per le dimensioni quote ergonomiche sella/pedane/manubrio, forse 2 cm di riser sarebbero il top. Ci pensiamo.

    esco dall’autostrada direzione colline parmensi, inbocco uno sterratino facile e conosciuto per “sentire” o meglio ascoltare le risposte del mezzo, parto un po’ prevenuto data l’escursione delle sospensioni meno generosa rispetto all’AT, ma in realtà anche in questo caso la ciclistica mi stupisce, coerente e prevedibile, trasmette sicurezza e la moto in off leggero fa il suo sporco lavoro aiutato anche dalla modalità di mappa off road che elimina l’abs al posteriore mantenendolo all’anteriore, per il tipo di off road che faccio io ottima.

    misto: forse sarò troppo benevolo e forse influenzato dal fascino Guzzi , forse non riesco ancora a vedere i limiti e i difetti ostruito nella valutazione dall’euforia ma mi sento di dire, per favore non cambiate in questa moto nemmeno una vite. Disarmante la ciclistica nel misto, disarmante per la potenza “scritta” nel libretto la capacità di questo motore di farti sentire una cosa unica con il mezzo. Guidare questa endurina è davvero divertimento allo stato puro, ti permette di godere guidandola attraverso la combinazione motore e telaio che in realtà e’ davvero una cosa sola essendo il blocco motore parte della ciclistica.
    mi piace l’erogazione di questo motore perché ti permette di divertirti ed emozionarti anche senza eccedere nella velocità. Ecco questo credo che sia il principale pregio che riassume l’essenza di questa moto, non serve la velocità come fattore di emozione e divertimento.
    sospnsioni ottime anche nel misto impestato, rispondono bene e ovviamente più sostenute rispetto a quelle dell’AT, che ripeto è una moto straordinaria ma non mi regalava le emozioni che mi sta dando questa motina.
    forse mi sono sbilanciato troppo, forse sarò qui a scrivere difetti e a modificare il mio giudizio ma per ora mi godo questo momento.
    Ben tornata a CASA Aquila!

    Lascia un commento:


  • Saudade
    ha risposto
    Originariamente inviato da Alex72 Visualizza il messaggio
    Oggi vero stress test del Guzzino compreso un po’ di off Road leggero. Stasera le impressioni.
    Sono curioso........

    Lascia un commento:


  • Alex72
    ha risposto
    Oggi vero stress test del Guzzino compreso un po’ di off Road leggero. Stasera le impressioni.

    Lascia un commento:


  • Saudade
    ha risposto
    Originariamente inviato da Todd Visualizza il messaggio

    ma figuriamoci! perdi qualche chilo ed è come avere perso qualche anno
    Avoja (cit.Enzino), per tornare ragazzo dovrei partire volontario per Auschwitz.........

    Lascia un commento:


  • Todd
    ha risposto
    Originariamente inviato da Saudade Visualizza il messaggio

    Riccà, vista l'anagrafe si parla di un paio d'anni di pazienza........
    ma figuriamoci! perdi qualche chilo ed è come avere perso qualche anno

    Lascia un commento:


  • Saudade
    ha risposto
    Originariamente inviato da Todd Visualizza il messaggio

    ma se dici che ti ci trovi benissimo poi mi parli di regalo imminente?
    Riccà, vista l'anagrafe si parla di un paio d'anni di pazienza........

    Lascia un commento:



Sto operando...
X