annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Non solo Panoramica Zegna

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Non solo Panoramica Zegna

    14 settembre 2019 - 14 settembre 2020... ci ho messo solo un anno a scrivere queste quattro righe di report... pian piano vado indietro e colmo i buchi del sito e del blog.

    Quando si percorre la Panoramica Zegna lo sguardo cerca sempre di catturare i lontani Appennini che non sempre sono visibili oltre la cappa di vapore e smog della Padania, ma non si bada molto alle colline prealpine che sono giusto sotto la famosa strada.

    Sapete perchè ci sono tanti report di viaggio in moto sulla Zegna e nessuno sulle colline prealpine?
    Perchè in fondo lì non c'è niente da vedere

    Tuttavia noi, come dei SanTommasi, abbiamo dovuto fare un giretto seguendo le strade bordate di verde (che non sono poi tante, ma ci sono) alla ricerca di qualche eventuale spunto nei paesi incontrati: ebbene, non c'è nulla degno di nota ma peromeno abbiamo riempito un piccolo vuoto nella carta geografica.

    Si esce dalla A4 a Balocco, presso la pista di prova della Fiat; il paese mostra una grande villa-castello oltre un muro di cinta ma niente più. Non si segue la canonica strada che porta a Cossato ma si devia per Masserano, sulla prima collina, attraversando la Riserva delle Baragge che però andrebbe vissuta in modo escursionistico.

    Un pò di curve e la risalita per una valle ci portano a Valle Mosso che tenta di offrire un panorama dalla piazza principale, non riuscendovi: per noi è l'occasione di una sosta caffè. la strada prosegue regalandoci la vista del Ponte della Pistolesa, un'opera monumentale (lo si vede anche dalla A4) che collega due centri piccolissimi, Veglio e Mosso. Tralasciamo di indagare sugli scopi del ponte che vede un traffico irrisorio e ha la sua fortuna nel bungee jumping, per noi è l'occasione di inanellare un po' di curvette. Proseguendo verso Biella ci fermeremo a Pettinengo trovando grande soddisfazione nella cucina dell'Osteria del Centenario.

    Dopo pranzo non raggiungeremo Biella perchè intendiamo risalire la Valle Cervo fino ad arrivare in fondo, a Piedicavallo, per poi tornare e fermarci a Rosazza dove ci fermeremo per immergerci nell'atmosfera mistica del paese che riempie diverse pagine web per il suo essere permeata da architetture e simbologie massoniche volute dal politico e filantropo locale Federico Rosazza Pistolet.




    Gli edifici principali sono il Municipio con la Torre merlata alla Ghibellina, le diverse fontane tra cui quella della Rosa e quella della Valligiana ai cui piedi ci sono la Pietra Runica e le rovine ispirate alla Grecia classica, il Castello con la Torre Guelfa e l'Arco di Volterra, la chiesa con la "Via Pulcra" e i simboli esoterici (Stella e Svastica) e infine il Cimitero Monumentale. Il paese meriterebbe una visita approfondita di tutti questi monumenti, di cui alcuni sono nella galleria fotografica.

    Lasciata Rosazza, beh c'è da dirlo? Panoramica Zegna!!! Il richiamo dei ventisei chilometri più belli delle Prealpi non può essere ignorato e la percorreremo in scioltezza fino ad arrivare in Valsesia e a Romagnano dove infileremo l'autostrada alla volta di casa.

    La galleria fotografica

    La mappa

    Tutti gli itinerari
    Ultima modifica di BianConiglio; 14-09-20, 19:19.
    Bian e Gege (Antonio e Agnese) http://biangege.xoom.it
    Carpe Diem, la Deauvillona (BMW K1100 LT ABS my1992, dal 06/2014)
    1995-1996 Moto Guzzi V35; 1996-2001 Cagiva River; 2001-2014 Honda Deauville

  • #2
    Bravo Bian!!!!!
    In omnia pericula, tasta testicula!

    Commenta



    Sto operando...
    X