annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Zingarata umbro-toscana 7-8.AGOSTO

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Zingarata umbro-toscana 7-8.AGOSTO

    allora, cari amici, il prossimo weekend ho in programma di fare una zingarata nel Casentino, per poi sconfinare in Umbria e quindi risalire lungo il Chianti. in tutto sono circa 400 km da suddividere in parti eque tra il sabato e la domenica. i chilometri non sono tanti, ma le cose da vedere si, quindi stimo circa 8 ore di viaggio al giorno. ecco la descrizione ed i link degli itinerari che ho pensato di fare: SABATO: partenza da Pontassieve, abbazia di Vallombrosa, eremo di Camaldoli, salita verso il passo Mandrioli per poi ridiscendere (senza svalicare) verso Poppi, Bibbiena, eremo della Verna, Caprese Michelangelo, Anghiari ed infine Sansepolcro, dove conto di dormire https://goo.gl/maps/YeyDEZTVp8Qmb9nx7
    DOMENICA: partenza da Sansepolcro, Cortona, Castiglione Fiorentino ed omaggio al monumento a Meoni, Castelnuovo Berardenga e castello di Brolio, badia di Coltibuono, Castellina in Chianti ed infine Greve in Chianti https://goo.gl/maps/JXWeAijrVQf5qAth7
    per ora non ho ancora prenotato nulla per dormire sabato sera, comunque ho visto che tra Sansepolcro ed Anghiari c'è una buona disponibilità di b&b, agriturismo ed alberghi.

    fatto 'sto pippone, C'E' QUALCUNO CHE SI VUOLE AGGREGARE, PER FARE ANCHE SOLO PARTE DEGLI ITINERARI?
    fatemi sapere che ci mettiamo d'accordo: comunque, intanto fisserei il ritrovo a Pontassieve alle 9.00
    LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

  • #2
    ...ed ecco le immagini degli itinerari.
    Ovviamente sono ben accetti suggerimenti per eventuali deviazioni!

    Inviato dal mio M2003J15SC utilizzando Tapatalk

    LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

    Commenta


    • #3
      purtroppo problemi familiari mi impediscono di stare via da casa per troppo tempo......
      riuscirò a fare un mordi e fuggi a settembre al giro di paolo,in un'ora posso essere sia a moscheta che sul passo in modo di fare un rientro veloce se necessario
      se all'ora di pranzo sei in zona caprese michelangelo a fragaiolo c'era,con il covid è d'obbligo,un ristorante dove si mangiava bene e all'aperto sotto i castagni.......

      Commenta


      • #4
        Peccato scintillone speravo proprio di incontrarti in questa occasione... speriamo che ce ne sia presto un'altra! E intanto grazie per il suggerimento per il pranzo
        LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

        Commenta


        • #5
          Sono fermo al mare, preferisco non lasciare Giovanna sola dopo che mi ha dato modo di cavarmi la voglia del Nord per l'ennesima volta.
          paolo

          "Ogni tanto una zingarata fa bene al cuore". (Giorgio)

          Commenta


          • #6
            Ti capisco paolo2145 perché anche io devo "giocare" di diplomazia con mia moglie per poter fare i miei viaggi in moto in santa pace...dai, ci sarà un'altra occasione!
            LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

            Commenta


            • #7
              Allora, parto dalla fine per raccontare di questa zingarata. È andato tutto bene: belle strade, bei panorami e buon cibo! In altri tempi, avrei detto anche belle ragazze, ma dato l’avanzare dell’età ormai mi devo accontentare delle prime tre voci. Non sono riuscito a visitare tutte le mete che mi ero prefissato, ma sono comunque molto soddisfatto del giro, sicchè, va bene così. Partito venerdì pomeriggio direttamente dall’ufficio, ho dormito a Firenze a casa di mio babbo, così ho avuto modo di scambiare due chiacchiere con lui con calma. Sabato mattina mi sono svegliato presto per partire tardi, come mio solito. Da Pontassieve ho imboccato la stupenda SR 70 del passo della Consuma, per imboccare, poco dopo la SP 85 che arriva diritta, diritta davanti alla famosa abbazia di Vallombrosa, che ho visitato in circa 1 ora; la strada è stupenda e si dipana all’interno di un fitto bosco di abeti altissimi. Da Vallombrosa, quindi, ho preso una strada strettissima e buia (tanto sono fitti gli alberi) che si ricollega al passo della Consuma da cui ho raggiunto prima lo scenografico castello di Romena e poi la mistica pieve di Romena (assolutamente meritevole di una sosta) e da qui la SP 72 per arrivare, infine, allo stupendo eremo di Camaldoli, ancora abitato da alcuni eremiti. Anche qui la visita guidata dura circa 1 ora e merita veramente data la bellezza dei vari ambienti che si possono visitare. Lasciato l’eremo, ho attraversato la riserva naturale di Camaldoli e sono giunto a Poppi, un bel borgo di stampo medievale, famoso per il ben conservato castello dei conti Guidi, posto su uno sperone di roccia, in posizione molto panoramica. A pochi chilometri di distanza, si trova anche il bel borgo di Bibbiena dove, ahimè, temo di essermi beccato una multa…ve lo saprò dire tra un mesetto se arriverà l’odiata raccomandata. Da Bibbiena, quindi, mi sono inerpicato verso un altro luogo ad alto tasso religioso: il santuario francescano della Verna. Si può essere credenti oppure no, ma sicuramente il luogo tocca il cuore a tutti. Dal santuario avrei voluto raggiungere Caprese Michelangelo (luogo di nascita del famoso artista) e quindi Anghiari (luogo nel 1440 della battaglia tra l’esercito fiorentino e quello del duca di Milano), ma essendosi fatto tardi, ho preferito tirare dritto fino a Sansepolcro, percorrendo la stupenda strada vecchia Tiberina. Arrivato tardi, non ho avuto tempo se non che per piazzarmi in albergo, mangiare ottimamente e fare un po’ di “struscio” lungo il corso. Anche Sansepolcro è un bel borgo storico, molto animato e vivace. Punto di forza del borgo è il museo civico che conserva due opere imperdibili: “La Resurrezione” e “La Misericordia” di Piero della Francesca”. Da Pontassieve a Sansepolcro ho percorso circa 150 chilometri di pura goduria, arte e misticismo…per non parlare di quello che ho mangiato! Domenica mattina, finita la visita Sansepolcro, sono partito alla volta di Cortona. Cortona è arroccata in cima ad un monte e conserva molti edifici di interesse storico ed il museo Diocesano, con all’interno molte opere di pregio. Di non minor pregio è la trattoria Tacconi, dove ho mangiato degli gustosissimi fegatelli di maiale al forno (…un piatto leggero, particolarmente indicato nel periodo estivo quando fa molto caldo…!!!) e una squisita panzanella: la cucina “a vista” è ancora quella di una volta, quella economica con i fuochi a legna, ed il padrone, Angiolino, è di una simpatia unica. Con il cervello ottenebrato dal caldo e dal cibo, mi sono diretto verso Castiglion Fiorentino per rendere omaggio al mitico Fabrizio Meoni: il monumento, che lo ritrae in sella alla KTM, si trova al centro di una rotatoria…ovviamente non ho resistito alla tentazione di portare la mia moto ai piedi di Fabrizio per fare qualche foto. Lasciato Castiglion Fiorentino, ho raggiunto Monte San Savino. Altro borgo storico che, pur non avendo nulla di spicco, merita comunque una visita. Da qui l’intenzione era quella di raggiungere Radda in Chianti, Castellina in Chianti e San Miniato, ma essendosi fatto tardi, ho dovuto tagliare corto, ed imboccata la strada Senese/Aretina, poi la SR2 ed infine la SR429 della Val del’Elsa, ho infine preso la FI-PI-LI fino ad imboccare la A12 che mi ha riportato a casa. In tutto circa altri 350 chilometri che, sommati ai precedenti, più il trasferimento dal lavoro a Firenze, fanno poco più di 650 chilometri: insomma, una bella zingarata!*

              Inviato dal mio M2003J15SC utilizzando Tapatalk

              LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

              Commenta


              • #8
                vedo che hai girato tanto la prossima volta che torni all'eremo di camaldoli fatti il passo dei fangacci,comincia da li e ti porta a badia prataglia attraversando una bella faggeta,qualche km sterrato ma fattibile da qualsiasi moto
                da badia prataglia volendo si arriva a chiusi della verna attraverso una strada che passa dal nulla però molto godibile
                grande girellone

                Commenta


                • #9
                  Grazie scintillone
                  LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

                  Commenta


                  • #10
                    E' probabile che in settembre sarò da quelle parti, in auto, con mia moglie ............

                    Bibbiena dove, ahimè, temo di essermi beccato una multa…ve lo saprò dire tra un mesetto se arriverà l’odiata raccomandata. Da Bibbiena, quindi, mi sono inerpicato verso un altro luogo ad alto tasso religioso: il santuario francescano della Verna

                    Nella mia vita lavorativa c'è stata una parentesi particolare :- per due anni ho guidato pullman turistici .. in Italia (d'inverno) ed in Europa (d'estate) :- ebbene, fra La Verna e Bibbiena un 1° maggio di allora si ruppe il compressore .........rimasi senza frizione .... percorsi con gente a bordo da La Verna a Bibbiena dove sistemai la gente in albergo e portai il pullman in un'officina ..........1° maggio di allora :- neanche sperare in una riparazione ma il meccanico che abitava sopra l'officina mi promise che la mattina seguente avrebbe provveduto. La mattina seguente lo tirai giù dal letto alle 5 suonando a casa sua ...........ed alle 8 ..........tutto a posto :- il tour proseguì regolarmente ............................... E senza telefonini, nè internet ............
                    =============================

                    Complimenti per la zingarata mod4ever
                    sempre con lampsss
                    facebook >>Franco Marizza
                    facebook = Franco Marizza (aquilasolitaria)
                    http://www.youtube.com/watch?v=ZAZ-iul2Li4
                    http://www.youtube.com/watch?v=voIbHDwLSYI

                    Commenta


                    • #11
                      Mitico aquilasolitaria !
                      LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

                      Commenta


                      • #12
                        Certo, tra due giganti come Franco e Fabio ci si sente piccoli piccoli......
                        Guarda Comandante, avrei pagato pure il biglietto per partecipare poiché so per esperienza che se organizzi tu il risultato è garantito ma proprio non mi è stato possibile.

                        Commenta


                        • #13
                          Non ti preoccupare Saudade ci sarà qualche altra occasione per fare una zingarata insieme!
                          LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

                          Commenta


                          • #14
                            Grande Comandante, me lo sono goduto strada per strada e sosta per sosta!
                            IL_BianConiglio
                            Cavaliere dell'Ordine dell'Orologio Indietro e BFS per investitura del SdR
                            su destriero d'acciaio
                            Carpe Diem
                            - (Antonio su BMW K1100LT my1992)

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da mod4ever Visualizza il messaggio
                              Non ti preoccupare Saudade ci sarà qualche altra occasione per fare una zingarata insieme!
                              Lo spero proprio! Già dal 4 settembre alla Raticosa, portando oro, argento e.... birra per il Sdr.!!!

                              Commenta

                              Premium ADV

                              Comprimi


                              Sto operando...
                              X