annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Monti Lessini

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Monti Lessini

    Gabbie aperte! Non ci sembra vero. Riusciamo a partire, finalmente, tutti e due, anche se solo per un 'misero' quattro giorni. Perché i monti Lessini? Perché relativamente vicini (dato il tempo a disposizione...) perché ne ho sentito parlare bene e infine perché... non ci siamo mai stati. Partenza Venerdi 4 giugno, autostrada fino a Cremona, e poi un po' di statali: Mantova, Verona. Arriviamo a Erbezzo (VR), dove abbiamo prenotato per tutte e tre le notti. Ci troveremo bene.


    Vista dall'albergo di Erbezzo

    Fa caldo giù in pianura, non siamo freschi come rose, ma un primo girello esplorativo di questo angolo di Italia, si fa. E facciamo bene.


    Però!, niente male davvero, questi Monti Lessini.


    Il passo Fittanze

    Paghi della scoperta, ci rintaniamo in albergo. A quota 1100 mt l'appetito e il sonno somigliano a quelli della gioventù... Le previsioni meteo della zona per domani sono pessime. Andiamo bene. Infatti al mattino ci svegliamo sotto.. un sole splendido e una mattina tersa. E via, allora a rivedere Verona, dopo tanto tempo. Che città !


    La visita non può non cominciare da qui.....


    ...ma la città è molto, ma molto generosa, in fatto di bellezze artistiche e architettoniche.




    Vista dal castello


    Per rientrare facciamo un giro più lungo, allo scopo di vedere Bosco Chiesanuova. Stazione invernale carina, ma niente di speciale. Bella e panoramica invece la strada che vi sale. Andiamo ancora in località San Giorgio, più a Nord, dove i Lessini stanno per sconfinare in Trentino. Troviamo una quantità di moto notevole. Sembra che tutti gli smanettoni del circondario si diano appuntamento qui. Fra tute di pelle e moto da 'orecchio sull'asfalto' noi... stoniamo proprio.

    Domenica, terzo giorno. Anche le previsioni di oggi sono pessime. Andiamo a Rovereto, ancora sotto il sole. Torniamo al passo Fittanze e percorriamo una strada impervia quanto spettacolare, detta 'della Vallagarina' che scende, in picchiata date le pendenze, su Rovereto. Bello il castello che vi troviamo, dove è ospitato un museo della guerra. Non sono certo uno che trova alcunché di buono o positivo nella guerra, ma se si tratta di conoscere, di sapere qualcosa di più, dico 'Presente!'. La parte del leone spetta alla prima guerra mondiale, e la visita mi fa stringere il cuore: è la rievocazione di un coacervo di sofferenze e di morte. Dalla carneficina dei soldati alle popolazioni civili sfollate, dalla sofferenza di madri mogli fratelli sorelle a fame, freddo malattie patite dai soldati. Ho letto più di un libro sull'argomento, ma vedendo certe fotografie, oppure leggendo alcune lettere di soldati o di congiunti, mi rendo conto di aver avuto una visione storica ancora fredda e distaccata. Si, sapevo di morte e sofferenze, ma questa visita mi ha avvicinato molto di più ad esse. E ovviamente ha rafforzato se possibile la mia opinione sulle guerre. La triste realtà dice che quelle conquiste territoriali, costate quel che sono costate, sono state letteralmente buttate via con imperdonabile leggerezza soltanto pochi anni dopo. E che comunque non potevano durare, date le differenze culturali. E che ci sono a tutt'oggi persone che ritengono che 'certe guerre' siano "giuste e necessarie". Persino dei residuati viventi che reclamano Istria e Dalmazia... lasciamo perdere.


    Il castello di Rovereto

    .... segue ....
    Il mondo è troppo bello per sbirciarlo dal finestrino! Suzuki VStrom 1000 - Il piu' bel viaggio in moto? Il prossimo. BFS n.11
    Quelli già fatti: http://www.madzilla.it - Velleità di scrittore

  • #2


    Un angolo della città di Rovereto


    Per rientrare decidiamo di fare un giro lungo. Saliamo al Pian delle Fugazze e di lì le Terme di Recoaro e Valdagno. Finalmente (scusate il paradosso) arrivano le nuvole e poca pioggia. Vorremmo restare in mezzo a queste belle montagne e raggiungere Erbezzo fra un saliscendi ed un altro, ma dopo tanto peregrinare, dopo aver più volte sbagliato strada, rimpiangiamo di non aver usato il navigatore di Google maps. Ci siamo affidati ad una cartina che scopriamo non ben fatta e siamo stati vittime di totale mancanza di indicazioni stradali. Sono anni che usiamo con successo l'accoppiata cartine+cartelli blu, ma stavolta alziamo bandiera bianca. Seguiamo allora per Verona (quei cartelli, almeno, ci sono), arriviamo a Soave; di qui autostrada, tangenziale di Verona e su per la strada nota. Scopriamo in seguito di aver scansato non pochi piovaschi.



    Salendo al passo delle Fugazze. Solo ora vediamo le nuvole


    Quarto giorno, niente di speciale. Rientro diretto in autostrada, date le cattive previsioni e il cielo coperto. Non prendiamo ugualmente pioggia.

    I monti Lessini sono stati una scoperta. Ci sono al mondo tanti posti meravigliosi, ma queste montagne, quantomeno... si difendono bene; ne siamo certamente soddisfatti. Valgono senza dubbio almeno un fine settimana. Non assomigliano, se non lontanamente, a nessun altro posto fra i tanti che abbiamo visto. E già questo, per noi, è un ottimo biglietto da visita. Ottima ospitalità quella che abbiamo trovato, prezzi onesti. Buon tirocinio per conducenti che si vogliano allenare a guidare su strade di montagna, molto pendenti e ricche di tornanti. Ma... spettacolari. Ve lo dice un Ligure.
    Il mondo è troppo bello per sbirciarlo dal finestrino! Suzuki VStrom 1000 - Il piu' bel viaggio in moto? Il prossimo. BFS n.11
    Quelli già fatti: http://www.madzilla.it - Velleità di scrittore

    Commenta


    • #3
      Bello, Verona è fantastica, se ti ricapita in moto bella da fare è la SP14 translessina, strada bianca ma molto leggera e fattibile con qualsiasi moto

      Commenta


      • #4
        Bel giro ed ottimo report .
        I Viaggi di Batty e Vica

        Officially awarded the title BFS n1

        Commenta


        • #5
          zone che non conosco, ci andrei anche io volentieri. i 4 giorni poi per una zona non troppo estesa sono un arco di tempo giusto per visitare i posti
          Moto Guzzi Breva 1200 "cigno nero" (166000km). club degli illusi tessera n. 92 BFS n 13
          è severamente vietato dare da mangiare alle scimmie altrui....

          Commenta


          • #6
            Madzilla, hai saltato il Ponte di Veia???

            Ricordi del 2001:
            Bian e Gege (Antonio e Agnese) http://biangege.xoom.it
            Carpe Diem, la Deauvillona (BMW K1100 LT ABS my1992, dal 06/2014)
            1995-1996 Moto Guzzi V35; 1996-2001 Cagiva River; 2001-2014 Honda Deauville

            Commenta


            • #7
              Ovunque vai, l'Italia ti meraviglia perché è tutta meravigliosa, perfino la pianura ha il suo fascino ! Ed ovviamente ci vogliono "occhi" per vedere ed apprezzare .....................
              Sempre con lampsss
              aquilasolitaria
              facebook :- Franco Marizza
              facebook = Franco Marizza (aquilasolitaria)
              http://www.youtube.com/watch?v=ZAZ-iul2Li4
              http://www.youtube.com/watch?v=voIbHDwLSYI

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da BianConiglio Visualizza il messaggio
                Madzilla, hai saltato il Ponte di Veia???
                ....
                Andando in giro come facciamo noi, cioè a zonzo, succede di saltare questo o quello. Poi non ci piacciono gli sterrati, e anche questo limita.
                Questa volta poi, era più il desiderio di evadere che di cercare qualcosa.

                Il mondo è troppo bello per sbirciarlo dal finestrino! Suzuki VStrom 1000 - Il piu' bel viaggio in moto? Il prossimo. BFS n.11
                Quelli già fatti: http://www.madzilla.it - Velleità di scrittore

                Commenta


                • #9
                  Bello, perchè belli i posti di suo, ma più che altro per la voglia che si capta pienamente leggendoti
                  Carlo, bighellone su V-Strom 650 '15....'na motoretta!
                  Il "cosa" più che "con cosa" - BFS n°8 dal 08/10/16
                  https://dagasse69.blogspot.com/

                  Commenta


                  • #10
                    I Lessini meritano

                    | Il viaggio è più importante della destinazione |

                    - Honda Goldwing 1800, 2013 - 132.000 km -

                    Commenta


                    • #11
                      Bravo madzilla
                      LA VITA È UN VIAGGIO E CHI VIAGGIA VIVE DUE VOLTE!

                      Commenta

                      Premium ADV

                      Comprimi


                      Sto operando...
                      X