annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Piovono Pietre!

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Bel racconto e foto. L'Appenino piacentino-parmense è molto bello; inoltre per il ritorno verso Nord si possono scegliere diversi itinerari tutti interessanti. Comunque Saudade, lo sterrato e l'erba verde sono infidi per tutti se non si hanno le dovute gomme e/o scarpe. Quando eravamo nel campeggio in Garfagnana, da fermo fuori dalla tenda, ho fatto la classica strisciata con la suola sul prato verde e la "bimba" si è adagiata piano, piano sul fianco
    Non sarà nemmeno l'ultima!

    Commenta


    • #17
      Conosco pochissimo quella zona ma il vostro bel racconto ha l'ulteriore valore aggiunto di evitare quegli sterrati.
      Mi sento rincuorato e meno solo sapere che esistono motociclisti esperti che non li gradiscono.
      In tanti anni di viaggi ne ho dovuti fare per parecchie centinaia di chilometri ovviamente in due e carico di bagagli. Non avevo scelta, quelle sono le uniche strade che si potevano fare. In quei casi, motivato dal viaggio, metto l'anima in pace, concentrato e li faccio ma li vivo con ansia sperando finiscano presto. Alla fine ho avuto pure soddisfazione per averli fatti ma non posso dire di essermi divertito. Forse senza passeggero, con moto e gomme adatte sarebbe diverso ma io e Paola siamo un equipaggio per cui non mi sono mai trovato nella configurazione ideale "off road" per poter imparare e magari goderne.
      BMW R1200GS ADV "Olivia" - F650GS "Pippo"
      Il nostro sito

      Commenta


      • #18
        Originariamente inviato da Frush Visualizza il messaggio
        Conosco pochissimo quella zona ma il vostro bel racconto ha l'ulteriore valore aggiunto di evitare quegli sterrati.
        Mi sento rincuorato e meno solo sapere che esistono motociclisti esperti che non li gradiscono.
        In tanti anni di viaggi ne ho dovuti fare per parecchie centinaia di chilometri ovviamente in due e carico di bagagli. Non avevo scelta, quelle sono le uniche strade che si potevano fare. In quei casi, motivato dal viaggio, metto l'anima in pace, concentrato e li faccio ma li vivo con ansia sperando finiscano presto. Alla fine ho avuto pure soddisfazione per averli fatti ma non posso dire di essermi divertito. Forse senza passeggero, con moto e gomme adatte sarebbe diverso ma io e Paola siamo un equipaggio per cui non mi sono mai trovato nella configurazione ideale "off road" per poter imparare e magari goderne.
        Premesso che la mia "carriera" ultracinquantennale di motociclista s'è svolta tutta su asfalto, il pezzo di sterrato (con fondo irregolare, a saliscendi e cosparso di ciottoli) per raggiungere la "Pietra Perduca" è stato percorso, bene o male, con passeggero senza incidenti. Al ritorno, su di un altro sentiero, ci siamo trovati di fronte ad una lunga discesa, piuttosto ripida, messa anche peggio del tratto precedente, per cui la mia inesperienza ha fatto si che non riuscissi a controllare la moto. Per fortuna le signore s'erano avviate a piedi ed inoltre la presenza ai lati d'un terrapieno erboso ha limitato i danni.

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da Frush Visualizza il messaggio
          Conosco pochissimo quella zona ma il vostro bel racconto ha l'ulteriore valore aggiunto di evitare quegli sterrati.
          Mi sento rincuorato e meno solo sapere che esistono motociclisti esperti che non li gradiscono.
          Ciao Frush, bentornato qui.

          "Motociclista esperto" per me è una definizione grossa, io credo di imparare qualcosa ogni giorno nelle e tra le parole/righe di racconti orali e scritti e cerco di condividere le mie esperienze in modo che altri non facciano i miei errori.
          Arrivare alla Pietra Perduca non è stato disagevole nemmeno per il mio pachiderma con gomme stradali, è stato come dice Saudade il tratto pietroso alternativo che ci ha fregati. Siccome di disavventure su strade bianche ne ho avute alcune (incredibile, ho però superato sia 30 km di strada bianca in Slovenia e sono andato e tornato da Forte Bramafam, prima o poi lo racconterò) penso che non affronterò più sterrati più lunghi di 10 metri, in alternativa farò deviazioni di 100 km... e l'Off lo farò su più ruote...

          ... però alla fine è stato un gran bel giro

          Bian e Gege (Antonio e Agnese) http://biangege.xoom.it
          Carpe Diem, la Deauvillona (BMW K1100 LT ABS my1992, dal 06/2014)
          1995-1996 Moto Guzzi V35; 1996-2001 Cagiva River; 2001-2014 Honda Deauville

          Commenta



          Sto operando...
          X