annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Turchia con strappo...

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Turchia con strappo...

    …si, strappo muscolare al polpaccio della gamba sinistra che mi sono procurato dopo pochi giorni dall’arrivo in Turchia e che mi ha bloccato 4 giorni a Goreme! Ma andiamo per ordine. Partito da Aulla ho fatto tappa ad Ancona dove ho preso il traghetto per Igoumenitsa, e già qui avrei dovuto capire che sarebbe stato un viaggio difficile, perché il traghetto è arrivato con mooolto ritardo, è partito con altrettanto ritardo ed è arrivato in Grecia con lo stesso ritardo, per cui ho dovuto fare una lunga e noiosa tiratona di poco più di 600 km (quella che i motociclisti romantici chiamano “cavalcata”… io dico “...due palle così”!), con solo soste “tecniche”, lungo la superstrada Egnatia Odos, fino quasi ad Alessandropoli dove ho dormito in un bel albergo in riva al mare. Il giorno seguente ho affrontato il confine Turco dove ho perso più di un’ora per comprare una carta telefonia turca, per fare la “carta verde” per la moto, e soprattutto per passare ben 4 punti di controllo turchi dove chiedono sempre il passaporto, la carta verde ed il libretto della moto…il prossimo che parla male dell’Unione Europea farebbe bene a provare cosa vuol dire passare un confine non U.E.! Entrato in Turchia ho passato lo stretto dei Dardanelli con un comodo traghetto in corrispondenza di Canakkale per arrivare ad Assos, antica città greca (di cui rimane il sito archeologico) e con uno stupendo borgo marinaro con piccoli alberghi e ristoranti che affacciano direttamente sul mare (…wonderful!). Ripartito da Assos ho seguito la strada lungo la piacevole costa dell’Egeo fino all’isola di Cunda (Alibey Island) dove avevo appuntamento con un mio amico motociclista turco, conosciuto l’anno scorso in Romania. Dopo una piacevole giornata trascorsa in buona compagnia, ed aver partecipato ad un motoraduno, sono ripartito per raggiungere Pamukkale: inutile sperticarmi nella descrizione della magnificenza e particolarità del posto di cui avrete visto migliaia di immagini! Oltre le famose formazioni calcaree, vi consiglio la visita del sito archeologico (si paga un biglietto unico per l’ingresso). Da qui, ho proseguito il viaggio tornando sul mare, questa volta Mediterraneo, facendo sosta nel paese marinaro di Kas…ovviamente ho dormito in un albergo in riva al mare, nemmeno a dirlo! Sempre lungo la costa, altra tappa ad Antalya, una bella e moderna città che si affaccia sul Mediterraneo, che ha mantenuto un affascinante centro storico. Ma questo è stato solo l’antipasto del viaggio, perché da qui in poi mi aspettava la Turchia “vera”! Prima sosta a Konia, la città santa dell’Anatolia, dove è nato l’ordine dei Dervisci, dove finalmente ho iniziato ad assaporare il sapore d’oriente, con le nenie dei muezzin che ti svegliano il mattino presto e ti danno la “buonanotte” alla sera ed il forte odore delle spezie multicolori esposte sui banchi dei negozi. Dopo Konia, altra tappa d’obbligo Goreme in Cappadocia e qua…è successo il patatrac dello strappo muscolare che mi ha costretto a letto per tre giorni. Il quarto giorno non ho resistito ed ho preso a noleggio un quad per girare i dintorni di Goreme ed infine il quinto giorno, stringendo i denti e con molta cautela mi sono rimesso in viaggio. Purtroppo lo stop mi ha obbligato a tagliare alcune tappe più orientali, ma vabbè sarà per un altro viaggio! Anche della bellezza della Cappadocia non c’è bisogno che vi racconti! Dopo Goreme è stata la volta della città storica di Tokat dove ho mangiato il “vero” kebab, che tradizione vuole sia nato proprio in questa cittadina, e visitato le varie moschee e caravanserragli; mi sa che a Tokat di turisti stranieri ne vedono ben pochi perché anche il personale della reception dell’albergo non sapeva l’inglese! Altra breve tappa per fare sosta nella bella cittadina di Amasya, fondata dalla regina delle Amazzoni (da cui il nome), conserva diversi monumenti islamici ed un bel centro storico di case ottomane mollemente distese lungo la riva del fiume che divide la città. Da Amasya un lungo trasferimento per arrivare a Safranbolu, una delle città turche più belle del viaggio, dal bel centro storico ricco di case ottomane ben conservate, anche se mi è stato molto difficile e doloroso visitarla per via dello strappo muscolare perché le stradine sono acciottolate ed in forte pendenza. Poi le ultime tappe in Turchia, ovvero Bursa, città moderna che conserva molti monumenti mussulmani (tra cui la Grande Moschea, che è veramente graaaande!) ed Edirne, città di frontiera che racchiude le caratteristiche delle città turche, greche e bulgare, con il fascino delle città mussulmane: molto piacevole da girare. Ripetuta la trafila in uscita dalla Turchia (…si di nuovo lunga coda e 4 controlli, per più di un’ora), ed imboccata nuovamente la superstrada Egnatia Odos, ho raggiunto Salonicco che, devo dire, dopo la bellezza delle cittadine turche mi ha fatto una brutta impressione. Infine Igoumentisa e di nuovo il traghetto per Ancona ed il rientro a casa: anche questa volta il traghetto è arrivato con molto ritardo e quindi è arrivato in Ancona con altrettanto ritardo!
    Questo è il racconto stringato di 20 giorni di viaggio (poco più di 6000 km), ma quello che vorrei essere capace di fare, e purtroppo non lo sono perché non sono uno scrittore, è raccontarvi la bellezza dei panorami, il fascino dei vari paesini attraversati che sembrano vivere ancora nel 20° secolo se non addirittura nel 19°, ma soprattutto mi piacerebbe riuscire a trasmettervi le sensazioni provate a contatto con un popolo cordialissimo e sempre molto disponibile (mi hanno aiutato tantissimo sia quando mi sono fatto male a Goreme, ma anche nelle tappe successive) e molto curioso nei confronti degli stranieri, tanto da riuscire a superare la barriera della lingua ed a “dialogare” con semplici gesti e (poche) parole in inglese. Indimenticabili i momenti di quando mi sono fermato ad un posto di blocco della polizia lungo la strada per chiedere un’indicazione stradale: i 4 poliziotti, tutti rigorosamente armati di mitra, mi hanno letteralmente accerchiato e si sperticavano in tutte le maniere di capire quello che gli dicevo e farsi capire tra mille sorrisi e l’immancabile offerta della tazza di tè nero turco...è mancato solo lo scatto di un selfie di gruppo! Altrettanto indimenticabile quando ho salvato la vita ad un motociclista turco; lui non parlava inglese, men che meno io il turco, quindi ci siamo guardati fissi negli occhi, una stretta di mano ed una pacca sulla spalla sono valse ben più di mille parole di ringraziamento. E poi il fascino delle ragazze col velo: non so lo descrivere, ma per me hanno una sensualità tutta particolare; per non parlare dello sguardo tagliente e misterioso delle donne col burqua. L’interno delle moschee è sempre molto semplice e disadorno, a parte gli affreschi con i versetti del Corano e qualche decorazione con le maioliche colorate e forse, proprio per questo, trasmettono più spiritualità e senso di raccoglimento delle nostre chiese (…a voi cosa trasmette più spiritualità S. Pietro o S. Galgano?). In quanto a moto, ne ho viste veramente poche di grossa cilindrata, per lo più ho visto motociclette 125 e 250 della Mondial e CUBA (…?), nonché delle Honda che da noi non vengono importate, con le bisacce di traverso sulle selle come quando una volta venivano usate sul dorso dei muli o dei cammelli, al posto dei classici ed europei bauletti.
    Ah, un’ultima cosa: si la benzina costa meno che da noi, mentre in Grecia costa come e più che da noi…tanto lo so che me lo avreste chiesto!

    qui trovate le foto che purtroppo non riesco a caricare direttamente sul forum https://photos.app.goo.gl/srrocXqAem4bg3wq9



    Non perderti il UINTER VIRCIUAL RELLI
    https://forum.mototurismo.it/vb5/for...lli-2021/page5

  • #2
    Ok hai scritto come un fiume che trasporta tutto l'entusiasmo possibile bel viaggio e belle foto

    Commenta


    • #3
      Molto bello ed apprezzato il racconto!

      Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk

      - Honda Goldwing 1800, 2013 - 125.000 km -

      Commenta


      • #4
        Grazie ragazzi!
        Non perderti il UINTER VIRCIUAL RELLI
        https://forum.mototurismo.it/vb5/for...lli-2021/page5

        Commenta


        • #5
          Il racconto lo leggo quando ho tempo.
          Riguardo allo strappo, è successo anche a me a luglio, pure io al sinistro, con un altro strappo il 14 agosto, dovuto al fatto che non sentivo più dolore e quindi ho fatto di nuovo una mossa che non dovevo fare.

          Sono dovuto andare in ospedale la prima volta, poi dopo 10 giorni per ecografia e visita ortopedica con raccomandazione di ulteriore controllo dopo 20 giorni.

          20 giorni di prognosi la prima volta, che non ho completamente rispettato, e che mi ha portato al secondo strappo.

          Fai attenzione perché a me fa ancora male.

          Giorni fa ho incontrato un amico a cui era capitata la stessa cosa l'anno scorso (strappo e ri-strappo) e mi ha detto che gli sono occorsi circa 90 giorni per ristabilirsi completamente.
          Gabriele da Gubbio
          Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

          Commenta


          • #6
            Non ho resistito, ho letto il racconto e visto le foto
            Bellissimo, certamente scritto di getto perché si sentono le emozioni che hai provato

            Riguardo al polpaccio, i medici mi hanno detto che senza ghiaccio e riposo c'è il rischio di dover subire un'operazione, quindi stai attento pure tu, come faccio io (ormai la paura di un nuovo strappo accompagna ogni mio movimento).
            Gabriele da Gubbio
            Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

            Commenta


            • #7
              Bellissimo racconto ed altrettanto le foto, ma ancor più bello il viaggio.
              Mi spiace per il polpaccio, non lo stressare; mia moglie con la tecarterapia ha sensibilmente migliorato il problema, anche se ogni tanto sente ancora un lieve dolorino...

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da cinna Visualizza il messaggio
                Mi spiace per il polpaccio, non lo stressare; mia moglie con la tecarterapia ha sensibilmente migliorato il problema, anche se ogni tanto sente ancora un lieve dolorino...
                Grazie della dritta, servirà di sicuro anche a me. Mi consulterò con il fisioterapista, ho visto di cosa si tratta e una volta l'ho fatta in ospedale per un dolore a un piede.
                Gabriele da Gubbio
                Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da zivas Visualizza il messaggio

                  Grazie della dritta, servirà di sicuro anche a me. Mi consulterò con il fisioterapista, ho visto di cosa si tratta e una volta l'ho fatta in ospedale per un dolore a un piede.
                  Mi moglie per colpa di uno scatto giocando a tennis ha strappato il polpaccio. Dolore molto forte e ha dovuto usare le stampelle per un bel po' perchè non riusciva a caricare il peso sulla gamba. Quindi uno strappo abbastanza serio.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da cinna Visualizza il messaggio

                    Mi moglie per colpa di uno scatto giocando a tennis ha strappato il polpaccio. Dolore molto forte e ha dovuto usare le stampelle per un bel po' perchè non riusciva a caricare il peso sulla gamba. Quindi uno strappo abbastanza serio.
                    Io giocando in piscina coi bambini, ho fatto uno scatto appena uscito dalla vasca, il resto è più o meno simile.
                    Dopo 10 giorni avevo ancora un ematoma interno di 2,4 centimetri non riassorbito.

                    Tra l'altro mi hanno detto fin dall'inizio che se si sta fermi c'è rischio di formazione di emboli, molto pericolosi (mio padre c'è morto), quindi riposo si, ma anche movimento senza sforzi.
                    Poi l'ortopedico mi ha prescritto anche la calza compressiva, che ho resistito a tenere solo un paio di giorni dopo la visita, e un paio di giorni dopo il secondo strappo (davvero fastidiosa).

                    Una grana non da poco.
                    Gabriele da Gubbio
                    Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da zivas Visualizza il messaggio

                      Io giocando in piscina coi bambini, ho fatto uno scatto appena uscito dalla vasca, il resto è più o meno simile.
                      Dopo 10 giorni avevo ancora un ematoma interno di 2,4 centimetri non riassorbito.

                      Tra l'altro mi hanno detto fin dall'inizio che se si sta fermi c'è rischio di formazione di emboli, molto pericolosi (mio padre c'è morto), quindi riposo si, ma anche movimento senza sforzi.
                      Poi l'ortopedico mi ha prescritto anche la calza compressiva, che ho resistito a tenere solo un paio di giorni dopo la visita, e un paio di giorni dopo il secondo strappo (davvero fastidiosa).

                      Una grana non da poco.
                      Anche mia moglie ha portato la calza per diverso tempo, per evitare il trombo. Ma non è mai stata del tutto immobile a letto.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da cinna Visualizza il messaggio

                        Anche mia moglie ha portato la calza per diverso tempo, per evitare il trombo. Ma non è mai stata del tutto immobile a letto.
                        Infatti nemmeno io, sia perché non potevo, sia perché essendo estate piena, non volevo proprio stare relegato in casa.
                        Gabriele da Gubbio
                        Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

                        Commenta


                        • #13
                          Grazie ragazzi anche per la solidarietà ed i consigli per il polpaccio. Vedo che purtroppo non sono l'unico ad avere di questi problemi
                          Non perderti il UINTER VIRCIUAL RELLI
                          https://forum.mototurismo.it/vb5/for...lli-2021/page5

                          Commenta


                          • #14
                            Bello il tour,belle le foto..auguroni di pronta guarigione
                            https://sites.google.com/site/badantour2010
                            https://sites.google.com/site/batantourmoto2011/
                            sites.google.com/site/badantourTurchia2012

                            Commenta


                            • #15
                              Nonostante gli inconvenienti che ti son capitati e che hanno ridimensionato i tuoi programmi, mi pare che sia stato un BEL VIAGGIO . Scrivi che non sei uno scrittore ma le tue sensazioni ed emozioni si comprendono bene.
                              GRAZIE ...
                              aquilasolitaria
                              facebook = Franco Marizza (aquilasolitaria)
                              http://www.youtube.com/watch?v=ZAZ-iul2Li4
                              http://www.youtube.com/watch?v=voIbHDwLSYI

                              Commenta

                              Premium ADV

                              Comprimi


                              Sto operando...
                              X