annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il Signore delle Dolomiti

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il Signore delle Dolomiti

    Cosa fa il bravo mototurista il sabato mattina alle 7 con 25 gradi all’ombra dopo aver bagnato ortensie e fiori, sfamato la gatta, con il resto della famiglia in giro per l’italia e con un unico dubbio da risolvere?
    Ovvero decidere dove andare?
    ma è presto detto e altrettanto fatto. Il tempo della bardatura e si va per montagne o meglio il Sancta Santorum delle due ruote. Almeno per me.
    Sfila via il lago di Barcis ed il Cellina accompagna la salita che porta al primo passo della giornata, il S.Osvaldo. Vajont e un nome che dice tutto. Ci si passa più volte durante l’anno eppure...
    Da Longarone ci si intrufola in val di Zoldo e dopo una bella arrampicata eccoci al cospetto del Pelmo. Per me la montagna più bella delle Dolomiti. Lo spettacolo migliore si gode al tramonto scendendo verso lo Staulanza e non salendo al Giau come mi appropinquo a fare. Ma oggi va così.
    E’ un giro random nessuna puntigliosa pianificazione ma solo l’esigenza di soddisfare una voglia di Dolomitiche mancano da un paio di anni. Il tempo di un caffè sotto il Nuvolau e poi giù verso Pocol per la rapida e altrettanto suggestiva salita al Falzarego.
    Nel tripudio di grigio asfalto verde boschi e azzurro cielo lo sciame di moto che si incrocia e’ popolato da due esemplari: GS e AT. Il resto è contorno.
    Lassu sotto al Lagazuoi il dubbio:da che parto scendo per salire? Arabba e poi vedremo o Lavilla e Corvara?

    E qui mi viene in soccorso Lui, il Signore delle Dolomiti, il mitico Aquila Solitaria, il grande Franco che tra mille e mille spunti di giri mi ricorda un passaggio allo Stalle.
    Per cui giù verso il Valparola e poi direzione Brunico. Verrebbe voglia di svagare per il passo delle Erbe e poi Ortisei e poi basta. Ritorno all’obiettivo.
    Passo Furcia per avvicinarsi ad Inniken e svoltare a sinistra per Anterselva, sfiorando Il lago per bloccarsi in attesa del verde e poi su, ai duemila metri del passo Stalle lungo questa pista di biliardo che si snoda in salita attraverso un panorama da favola.
    Al passo spuntino con birra in terrazza. Goduria allo stato puro.
    Giu’ planando in questa lunga discesa che porta a Lienz per indirizzarsi al PlockenPass e scollinare per il rientro nella madre Patria scendendo nei tornantini in galleria del Monte Croce Carnico.
    Poi e’ strada di casa in un abbraccio soffocante di aria calda.
    11 ore e 452 chilometri.
    Cosa volere di più?
    BUCEFALO BFS n. 3
    BMW R 1150 RT 2004 2015 ora K GT 1300
    Chiavari - Udine

  • #2
    Dolomiti: almeno una volta l’anno devo rivederle
    paolo

    "Ogni tanto una zingarata fa bene al cuore". (Giorgio)

    Commenta


    • #3
      Una bella abbuffata di colli Dolomitici.
      Mariano ogni tanto ci vuole .
      Anche a me le vette Dolomitiche mancano oramai da tempo , devo stare a dieta( motociclistica) ancora per un po ' , ma poi vedrò di recuperare il tempo perso .
      I Viaggi di Batty e Vica

      Officially awarded the title BFS n1

      Commenta


      • #4
        Perbacco Mariano ... un giro dolomitico e austriaco ... Evidentemente ti sei divertito altrimenti avresti accorciato.-
        Fatto bene a passare sul Valparola ...
        Quando si passa sul Falzarego, il Valparola è quasi obbligatorio ... anche andata e ritorno ... tanto dista una manciata di km piacevolissimi, senza tornanti e senza pendenze ......
        Alla prossima ..................sempre con lampsss
        aquilasolitaria
        facebook = Franco Marizza (aquilasolitaria)
        http://www.youtube.com/watch?v=ZAZ-iul2Li4
        http://www.youtube.com/watch?v=voIbHDwLSYI

        Commenta


        • #5
          Io il mio giro dolomitico l'ho fatto sabato e domenica appena passati.
          Sabato ho fatto in tempo solo a salire allo Stalle e a percorrere un breve tratto della Defereggental.
          Domenica son partito dalla Val di Casies alle 6,30, sono andato verso Dobbiaco, Misurina, Cortina, Falzarego/Valparola, Pordoi, Sella, Fedaia, Staulanza...Rimini.
          DF3, BFS5

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da stac Visualizza il messaggio
            Io il mio giro dolomitico l'ho fatto sabato e domenica appena passati.
            Sabato ho fatto in tempo solo a salire allo Stalle e a percorrere un breve tratto della Defereggental.
            Domenica son partito dalla Val di Casies alle 6,30, sono andato verso Dobbiaco, Misurina, Cortina, Falzarego/Valparola, Pordoi, Sella, Fedaia, Staulanza...Rimini.


            facebook = Franco Marizza (aquilasolitaria)
            http://www.youtube.com/watch?v=ZAZ-iul2Li4
            http://www.youtube.com/watch?v=voIbHDwLSYI

            Commenta


            • #7
              Son rimasto colpito dalla devastazione creata dalla tempesta di vento, non pensavo che intere zone fossero ancora in quello stato.
              DF3, BFS5

              Commenta


              • #8
                Fanno impressione quelle rasoiate ai boschi. E oltre al danno naturale c’è pure quello economico. Un disastro di cui nessuno parla.
                Mi ha raccontato un amico che la salita al Manghen è irriconoscibile da quanto devastato il bosco.
                BUCEFALO BFS n. 3
                BMW R 1150 RT 2004 2015 ora K GT 1300
                Chiavari - Udine

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da BUCEFALO1 Visualizza il messaggio
                  Fanno impressione quelle rasoiate ai boschi. E oltre al danno naturale c’è pure quello economico. Un disastro di cui nessuno parla.
                  Mi ha raccontato un amico che la salita al Manghen è irriconoscibile da quanto devastato il bosco.
                  Ricordo con piacere il Manghen , era veramente bellissimo fare quell'ascesa , dopo il disastro ho visto solo foto di distruzione , da quel che testimoni penso che ci vorranno decenni prima che tutto ritorni come prima ,e sempre se ritornera' come prima .
                  I Viaggi di Batty e Vica

                  Officially awarded the title BFS n1

                  Commenta


                  • #10
                    Quest'anno ho mancato le Dolomiti causa bronchite (patologia, non il nick) ma nel 2017 me le sono godute alla grande.
                    Concordo con Mariano nell'insignire il mitico Franco del titolo di "Signore delle Dolomiti", trasmissibile agli eredi.........D'altra parte abbiamo già un "Signore della Raticosa" che, per quanto ultimamente giri per il feudo montando scaldabagni ed asinelli, può sempre vantare un lignaggio di tutto rispetto.

                    Commenta


                    • #11
                      La prima parte del giro (fino al Falzarego) la feci quando ci vedemmo un paio di anni fa e pranzammo insieme a Barcis, il resto lo conosco perché l'ho fatto in altri giri.
                      Posti stupendi, partendo da casa tua si fa presto, io ebbi anche il viaggio di ritorno e rientrai alle 23.30 quella volta
                      Ciao Mariano
                      Gabriele da Gubbio
                      Moto Guzzi Bellagio 940 2009 - Honda Transalp 650 2003 - BMW R 1100 RT 2000 - Moto Guzzi California EV 2005 - - Vespa 50 special 4 marce 1981

                      Commenta


                      • #12
                        Bel giro Mariano.
                        Un caro saluto !

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Saudade Visualizza il messaggio
                          Quest'anno ho mancato le Dolomiti causa bronchite (patologia, non il nick) ma nel 2017 me le sono godute alla grande.
                          Concordo con Mariano nell'insignire il mitico Franco del titolo di "Signore delle Dolomiti", trasmissibile agli eredi.........D'altra parte abbiamo già un "Signore della Raticosa" che, per quanto ultimamente giri per il feudo montando scaldabagni ed asinelli, può sempre vantare un lignaggio di tutto rispetto.
                          Dovremo promulgare un editto speciale per l investitura
                          BUCEFALO BFS n. 3
                          BMW R 1150 RT 2004 2015 ora K GT 1300
                          Chiavari - Udine

                          Commenta


                          • #14
                            zivas il richiamo delle Dolomiti e unico. Non mi annoio mai lassu. Che poi di passi e belle strade non c’è che l’imbarazzo della scelta
                            BUCEFALO BFS n. 3
                            BMW R 1150 RT 2004 2015 ora K GT 1300
                            Chiavari - Udine

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da BUCEFALO1 Visualizza il messaggio

                              Dovremo promulgare un editto speciale per l investitura
                              Giusto, investiamolo e non se ne parli più........

                              Commenta



                              Sto operando...
                              X